#interviews 2018 Tumblr posts

  • Westworld’s convoluted timelines, plethora of secrets, and philosophical questions about the nature and personhood of robots have dominated the conversation around the series and quite often episodes of the series itself. But when a stellar performance from a member of the Ghost Nation takes over for one of its most focused episodes, the paradigm shift is staggering.

    The Ghost Nation is made up of “older model hosts,” which have been around since beta or alpha testing. They’re the first ones in and the ones that almost get left behind. (Not a bad metaphor for the Native American experience in America.) But with “Kiksuya,“ they stop being a metaphor and start being characters.

    Especially their chief, Akecheta, who’s appeared in the last few episodes and is played by Zahn McClarnon in a tour-de-force performance, navigating some seriously choppy waters when it comes to memory and identity. McClarnon spoke with Paste about playing a member of the Ghost Nation, Terrence Malick, and what it’s like working on Westworld.

    Paste: I’m so glad we could talk, because your performance in “Kiksuya” blew me away.

    Zahn McClarnon: Appreciate it, man. Thank those beautiful bold creative people. [Showrunners] Jonah [Nolan] and Lisa [Joy], [writer] Carly Wray, the directors, the production… It takes the whole team. It really does take a village.

    Paste: When you were going after this role, did you know what it was going to be?

    McClarnon: To be honest with you, no. I went through the process all actors go through. I auditioned—and they don’t give you a lot of material to audition with—and you make a choice, put it on tape. Obviously, I was aware of Westworld and how innovative the show was. I probably would’ve worked for free to be on the show. I just think it’s bold television.

    Paste: So getting Akecheta came down to sending in a tape?

    McClarnon: Yeah, yeah. They give you a few lines of dialogue for you to kinda get the idea—a little bit vaguely—of who the character is, then you do your lines and hope for the best.

    Paste: You had no idea that this character, who up until now was pretty one-note and mysterious, was going to get this whole episode of sci-fi romantic tragedy?

    McClarnon: No, not at the time. It’s a very unique process they do. They give you just as much as you need to know. I found that to be very unique—you usually don’t work like that—but positive. I learned quite a bit. At the end of the process, you realize that Jonah, Lisa, Carly, and the directors give you exactly what you need. To hit your mark and be honest.

    Keep reading

    View Full
  • It’s a different day for Hollywood, and for our culture. From the time allegations of sexual misbehavior rained down on mogul Harvey Weinstein last October, this business and many others have been rocked by revelations and allegations, and by a sense that the time is long overdue to afford women equal respect and equal opportunities rather than treating them like commodities.

    In this climate — with hashtags like #MeToo and organizations like Time’s Up working to affect real change — TheWrap convened seven television actresses to discuss what they’ve experienced in their careers, what they’ve seen in the last nine months and where they’d like things to go from here.

    TheWrap’s Sharon Waxman and Beatrice Verhoeven asked the questions; Zazie Beetz from “Atlanta,” Alison Brie from “GLOW,” Rachel Brosnahan from “The Marvelous Mrs. Maisel,” Claire Foy from “The Crown,” Gina Rodriguez from “Jane the Virgin,” Yara Shahidi from “black-ish” and “grown-ish” and Evan Rachel Wood from “Westworld” answered them.

    What does it feel like for all of you at this particular moment in time, with everything that has happened over the last eight or nine months? Are you mindful of the politics going on around you in Hollywood and in the wider world?

    ALISON BRIE Well, there’s no way to ignore what’s going on in our industry these days. That’s why I feel lucky and grateful to be working on a feminist show where we have female showrunners, so many women on the crew and six out of 10 of our directors are women.

    That’s something about “GLOW” that I find really amazing and fascinating: We have a cast of 14 women in Season 1, 15 women in Season 2, of all shapes and sizes and ages and socioeconomic backgrounds. They’re interesting, in-depth characters. Their lives revolve around things other than men and being single.

    I was talking yesterday with Gillian Jacobs from “Love” about how different it can be shooting a romantic scene when you’re working with a female director. You’re more involved with the way you’re being commodified on the show, which is helpful.

    YARA SHAHIDI It’s extremely powerful and inspiring to turn on the TV and see Issa Rae on the show she created, to see Laverne Cox, to see all these women leading shows. Whether it’s cable or [broadcast] television, I feel like we are seeing a difference, and I think it’s partially because the audience is now expecting it. But we’re not nearly there yet.

    Keep reading

    View Full
  • View Full
  • #LONGINES at BASELWORLD 2018: Interview with Vice President Charles Villoz
    View Full
  • NORTHAMPTON, ENGLAND - JULY 05, 2018: Charles Leclerc during previews ahead of the Formula One Grand Prix of Great Britain

    (Photo by Dan Istitene/Getty Images)

    View Full
  • #vanessa hudgens#interviews#gif#gifs#2018 #vanessa hudgens interviews #vanessa hudgens gif #vanessa hudgens gifs #vanessa hudgens 2018
    View Full
  • Ashley Tisdale on iHeartRadio’s #TBT Photos (2018)

    #ashley tisdale#gif#gifs#interview#interviews#2018 #ashley tisdale gif #ashley tisdale gifs #ashley tisdale interview #ashley tisdale interviews #ashley tisdale interview 2018 #ashley tisdale interviews 2018 #ashley tisdale 2018
    View Full
  • Ashley Tisdale and her dog Maui for My Pet Tale (2018)

    #ashley tisdale#maui tisdale#interview#interviews#gif#gifs#2018 #ashley tisdale interview #ashley tisdale interviews #ashley tisdale gif #ashley tisdale gifs #ashley tisdale and maui tisdale #ashley tisdale 2018
    View Full
  • Ashley Tisdale for Buzzfeed (2018)

    #ashley tisdale#gif#gifs#interview#interviews#2018 #ashley tisdale gif #ashley tisdale gifs #ashley tisdale interview #ashley tisdale interviews #ashley tisdale 2018
    View Full
  • image
    image
    image

    MAXTUL || 2018 Rabbit Today Interview (vid)

    View Full
  • Itziar Ituño • La Casa de Papel - Tercer Grado

    View Full
  • TBT: New never seen photos of Johnny for the British GQ Magazine 2018!


    9 new photos taken during a photoshoot session and interview for the November issue of “British GQ” taken in August 16, 2018 at Johnny’s house, in Plan-de-la-Tour, France, were released by Greg Williams.

    >> About the photos:

    * The first photo is the original one used for the cover.

    * The second photo is the original one used for the cover of “Special Subscribe Edition” of the magazine. On the magazine it can be seen on page 36.

    * The third photo is the original photo, now in colors. On the magazine it was released in Black and White in two pages (166 and 167)

    * The fourth photo was not released on the magazine, but two similar photos taken on the same place were released in colors and in black and white on page 164 and 165.

    * The fifth photo was released on the magazine, but not on the main interview. The British GQ Magazine has almost 260 pages and while Johnny’s interview goes from page 158 through page 173, this photo is introduced on page 17.

    * The sixth photo was released on the magazine on page 161 in a cropped version focusing only on Johnny. The one released today is the original one which reveals more details and indicates that the photo was probably taken on his bedroom. A similar black and white photo taken on the same place and similar position was also revealed by Greg Williams to celebrate Johnny’s Birthday.

    * The seventh photo is a never seen photo of Johnny with his guitar. It was not added on the magazine, but a similar black and white taken on the same place and moment one was released by Greg Williams on April 17, 2020 to celebrate the day Johnny joined Instagram.

    The eighth and ninth photos, Johnny driving a golf cart like and lighting a cigarette were never released before.

    View Full
  • Figlia di padre americano e di madre inglese, avrebbe potuto lavorare all’estero. Ha invece deciso di rimanere in Italia per realizzare il suo sogno accanto a Daniele De Rossi. In quest’intervista parla di lui, del ruolo delle donne, dell’occasione «mancata» di Dissenso comune, del caso Brizzi, e del desiderio di un progetto «che mi appassioni»

    image

    Lei non si sente italiana: «E purtroppo o per fortuna, sperando che nessuno si offenda, non lo sono. Mio padre è un ebreo americano di origini russe-ungheresi cresciuto nel Bronx. Mia madre una londinese abituata all’indipendenza e al viaggio che lui corteggiò a lungo e conquistò a fatica dopo che lei, al culmine di un litigio, era fuggita per mesi con un’amica in Africa. Io sono nata in Inghilterra, vivo a Roma e credo di essere pronta ad abitare ovunque.

    Sono figlia di influenze diverse e in fondo, avere radici in molti luoghi e da nessuna parte, non mi dispiace». Ogni tanto, quindi, Sarah Felberbaum confonde i termini, dice «omertoso» al posto di «discreto», «cadenzare» invece di «programmare» e alterna i linguaggi pur avendo chiari i termini della questione: «Ho scelto un lavoro che mi ha esposto in pubblico fin da giovanissima. Quindi ho sempre dovuto cercarmi, trovarmi e capirmi davanti a tutti. Ho attraversato i normali processi della vita, i dolori e le gioie, superando turbamenti che sarebbero dovuti rimanere intimi e che invece intimi non sono mai stati». Dopo decine di film, serie e programmi tv (l’ultimo, Cinepop, un quotidiano di 8 minuti per raccontare il cinema su Sky per cui condurrà anche la serata degli Oscar) ripensare a quando pubblicizzava telefonini con Sergio Castellitto nei ristoranti e il conto si pagava ancora in lire, fa scoprire a Sarah Felberbaum di aver estinto quasi tutti i debiti. «Avevo meno di vent’anni e oggi ne ho 37. Rispetto a ieri sono più consapevole, forte e centrata, forse ancora timida e un po’ insicura, ma finalmente pacificata. Che non tutto si potesse controllare già lo sapevo, ora ho imparato anche ad accettarlo».

    Da ragazza era più difficile?
    «Non ho avuto un’adolescenza infernale e ho sempre avuto una bella famiglia alle spalle, ma il problema, o se preferisce la parte difficile da gestire, ero proprio io. Cercavo di capire chi ero, cosa volevo e dove stavo andando. Avevo alti e bassi, euforie e tristezze. Ci ho dovuto lavorare tanto».

    A che scopo?
    «Per non perdermi, per essere concreta, per gestirmi, per evitare di fare delle cazzate e quando parlo di cazzate, parlo di cose serie. Ho iniziato a lavorare molto presto e presto sono diventata economicamente indipendente. Non possedevo gli strumenti, ma avevo bisogno di qualcuno che mi aiutasse a orientarmi, che mi desse una mano a non farmi male e a non pensare di risolvere tutto semplicemente uscendo la sera».

    Chi le ha dato questa mano?
    «Nonostante l’amore che i miei genitori non mi hanno mai negato, l’analista. Il dispiacere di mia madre me lo ricordo ancora. “Dove ho sbagliato?”, diceva. Oggi siamo quasi all’abuso, ma un tempo l’analisi sembrava una cosa da stregoni».

    Per un periodo fece la modella.
    «Senza traumi. Era tutto molto divertente e io sono sempre stata un soldatino. La vita mi ha offerto tante occasioni, le ho cavalcate tutte e poi ho scelto quello che mi piaceva di più. Cambiare spesso abito mi sembrava normale, naturale. Mi era capitato anche a scuola. Avevo studiato per anni in quella americana, poi, quasi fosse un esperimento, passai a quella italiana. Mi iscrissi follemente in un istituto gestito dalle suore. Mio padre come le ho detto è ebreo, mia madre protestante, io non sono stata neanche battezzata. Non avevo il permesso di fare l’ora di religione e quando andavamo giù in chiesa occupavo regolarmente l’ultima fila».

    Prima di fare l’attrice a tempo pieno condusse Unomattina.
    «Ero ancora nella fase in cui non sapevo cosa volessi fare da grande e non ero felice. A forza di svegliarmi tutti i giorni alle 4 di mattina avevo perso la cognizione del tempo. Finita la stagione iniziai a studiare da attrice. Conoscevo Piergiorgio Bellocchio, il figlio di Marco e gli chiesi consiglio. Mi mandò da sua madre, Gisella Burinato, un personaggio meraviglioso, una donna forte, particolare, severa e determinata. Quando non facevi quello che ti chiedeva, ti lanciava una scarpa sul palco. A me piaceva».

    Le piaceva essere presa a scarpate?
    «Mi piaceva e mi piace ancora la verità nei rapporti personali. La verità non deve essere per forza violenta. Può essere anche delicata. A un sorriso falso comunque, anche se può ferire, ho sempre preferito la sincerità. La battuta di Troisi in Pensavo fosse amore invece era un calesse è formidabile».

    Quale battuta?
    «La fidanzata lo tradisce e gli amici, malevoli, glielo vanno di corsa a riferire. Lui è dispiaciuto più con loro che con lei: “Ma queste sono cose che non si dicono – si lamenta – perché siete tutti così sinceri con me?”».

    Con Il gioiellino, il film sul crac Parmalat, venne candidata al David di Donatello.
    «Per il mio ruolo avrei dovuto recitare al fianco di Toni Servillo. Non l’avevo mai incontrato e all’appuntamento stabilito per il provino mi presentai tesissima. “Come va?”, provai a dire per rompere il ghiaccio e lui, masticando un sigaro tra i denti, sibilò: “Oggi mi rode il culo”. “Non ce la faremo mai”, pensai».

    Ce la faceste.
    «Lavorare con Toni è stato un dono, ma all’inizio avevo il terrore di deluderlo, di disgustarlo, di non essere all’altezza. Pensi sempre che attori così grandi non respirino, non ridano e non si lascino mai andare. Toni invece è speciale e molto spiritoso. Una sera, su un divanetto dell’albergo, ci raccontammo le nostre vite bevendo vodka».

    Quanto è difficile oggi per un attore italiano avere i ruoli che desidera?
    «È una corsa a ostacoli che ogni tanto si rivela straziante. A volte ti domandi perché hai scelto un mestiere così incerto e altre invece godi e hai le risposte a tutti i tuoi dubbi. Vivi di piccoli attimi, di fiammate, di ricerca. Insegui un bel progetto o un ruolo in cui pensi di poter dare qualcosa e spesso non arriva né l’uno né l’altro. Il resto è un galleggiare tra accettare o rifiutare, cercando di capire quanto ti possa fare bene dire troppi no».

    Le capita?
    «Io ne dico tanti. Mi propongono delle lunghe serialità che non mi interessano più, oppure ruoli che non sento miei. Se mi offrono una parte che capisco non potrà mai essere mia preferisco rifiutare. È una prospettiva comunque migliore che ritrovarsi ingabbiati in una situazione che ti rende infelice».

    Lei è inglese, non ha mai pensato di andare a lavorare all’estero?
    «Quando recito in inglese provo qualcosa che non riesco a sentire quando lo faccio in italiano. Così, dopo aver interpretato Il gioiellino avevo preso contatti per rimanere in America con un’importante agenzia. Prima ottenni in modo non facilissimo un incontro e poi, quando sembrava tutto avviato, tornando in una delle pause a Roma, venni travolta da una storia d’amore».

    Parla di Daniele De Rossi, calciatore della Roma, il padre dei suoi figli Olivia e Noah?
    «Lo avevo già incontrato, tornai a frequentarlo allora ed ebbi l’intuizione di fermarmi perché stavo vivendo finalmente qualcosa di vero e diverso da quel che c’era stato fino a quel momento. Non me la sono mai più sentita di andarmene. Se fossi partita, avrei rinunciato a lui per la mia carriera. Sapevo che sarebbe stato impossibile conciliare le due cose, ma Daniele è l’amore della mia vita e non mi pentirò mai di quella scelta. Sono stata sempre molto individualista, ho sempre pensato prima a me e poi agli altri. Con Daniele è cambiato tutto. Di lui ti puoi fidare. È intelligente, dissacrante, spiritoso. Ha un enorme senso dell’umorismo, proprio come mio padre. Papà ha 88 anni. Inizia ad avere i suoi acciacchi. “Come stai?”, gli chiedo e lui: “Benissimo, oggi ho preso il Toradol, non sento più nulla».

    Sua madre?
    «La loro storia è stata tumultuosa. Si sono lasciati, ripresi, inseguiti. Lui aveva un’altra famiglia e all’epoca il divorzio era un tabù. Quando lei si stancò dell’impasse, si allontanò e finì in Africa da un’amica infermiera. Lui la cercò ovunque. Le mandò un biglietto di prima classe per poter tornare in Italia e lei lo rivendette per prolungare la permanenza e poter continuare a viaggiare. Sono diversissimi, ma nutro grande ammirazione per entrambi».

    Ha ammirazione anche per Asia Argento? Quando il caso Weinstein era agli albori, nello scorso ottobre, lei ritwittò un suo post. Da allora sono accadute tante cose e nel documento delle artiste italiane, Dissenso comune, documento che ad Argento non è piaciuto, c’è anche la sua firma.
    «Veder litigare le donne tra loro mi fa molta impressione. C’è una cattiveria, una rabbia quasi, che mi spaventa e mi mette a disagio. La lettera l’ho firmata, ma è ovvio che mi auguro non si rivelino solo parole messe in fila. Mi aspetto che accada qualcosa, ma non so se in Italia ci sarà mai il coraggio di fare la rivoluzione in atto negli Stati Uniti».

    La lettera le sembra debole?
    «L’ho firmata e non posso rinnegarla solo perché intorno al testo si è scatenata una polemica. Può essere più o meno debole, ma è importante che ci sia. Non capisco perché ci si debba subito urlare in faccia e non si possa semplicemente iniziare un percorso. È fondamentale parlarne, prima in Italia lo facevano in pochissimi».

    Asia Argento e Miriana Trevisan hanno parlato.
    «Posso non essere come Asia, posso non avere la sua veemenza, ma la ammiro. Ha avuto le palle. Ha aperto una porta. Adesso è ora di andare avanti. E tanto per essere chiari, penso sia importante la sua verità esattamente come quella di Miriana Trevisan. Non mi permetterei mai di giudicare o di metterla in dubbio. Quando ho letto le loro parole, qualche tempo dopo le loro reazioni alla lettera, avrei voluto parlare con Asia, ascoltarla, sapere perché si era scagliata contro Dissenso comune. Mi interessa e forse lo farò. Le chiederei: “Questo documento secondo te è sbagliato? Come si può fare a migliorarlo?”. Non so cosa sia accaduto per farla allontanare, non so se ci siano ragioni valide o ragioni deboli. Però mi resta la sensazione amara dell’occasione mancata».

    Anche le ragazze che hanno denunciato in tv le molestie di Fausto Brizzi hanno diritto di essere credute? Lei con Brizzi ha lavorato.
    «Ma sì, perché no? Anche se credo che le denunce andrebbero fatte nelle sedi appropriate e non in tv, in Italia nessuno, escluse Asia, Miriana Trevisan e le ragazze che si sono esposte alle Iene, ha mai affrontato il tema. Posso dirle un’altra cosa?».

    Prego.
    «Parlare pubblicamente di Brizzi mi mette in grande difficoltà. Conosco lui. Ma conosco anche sua moglie Claudia e la figlia che hanno avuto. Non oso pensare cosa stiano passando e se immagino che tra dieci anni, Penelope, cresciuta, leggerà le cose che dicono su suo padre sto male».

    Lei è l’unica attrice nota che si sia espressa sul tema senza difendere aprioristicamente Brizzi.
    «Non posso difenderlo a priori e non posso neanche sostenere che sia colpevole. Non so cosa sia accaduto davvero tra lui e quelle ragazze, ma so che è importante parlare della questione senza voltarsi dall’altra parte e senza trattarla come un tabù. Spero di non ascoltare più un Weinstein scusarsi e giustificarsi sostenendo che essendo cresciuto in un’epoca in cui le donne venivano trattate come oggetti, si era adeguato all’andazzo. Nessuno deve dare più per scontato che la donna sia debole. Sa perché?».

    Perché?
    «Perché se siamo unite, deboli non siamo».

    (Vanity Fair  22/02/2018)

    View Full
  • France, 2018

    (Photos by Mark Sutton)

    View Full
  • #stalker boy show 2018 #you netflix spoilers #victoria pedretti #of course the opposite is true for any viewer who actually does like joe #presumably because he’s a charming and relatively attractive man #so it’s the other side of the coin—why do those people sympathize with his ‘protection’ but call Love insane? #like Love is absolutely Not Okay. but the level of stalking and abuse Joe has spent years perpetrating is truly bonkers #I did see one interview I really liked with VP going ‘she did not out-Joe Joe. he’s on another level. she absolutely murdered people but...’ #the implication being ‘she is totally fucked up but consider why it is you see her and say she’s WORSE than Joe’ #‘when we’ve spent two seasons watching him be The Absolute Worst over and over’ #it’s such a troubling show but I like that it forces critical thinkers to ask these questions of themselves. the why. #and the what part of this is reflected in my own life to a lesser degree and why am I okay with that
    View Full
  • jvcki wai’s enchanted propaganda kinda slaps

    #jvcki wai if you're looking a slightly younger lesbian lover hit me up #she's mysterious tho lol she doesn't do like any interviews #anyway i listened to this album when it came out in 2018 and hated it but now i've warmed up to it #she was ahead of the time or my music taste has gotten worse #i didn't like spika and life disorder then so i couldn't get through it #still don't like me but the rest of the album is p good
    View Full
  • 😄😉🎥📷🎨!
    .
    An excerpt from an #interview with my #friend @florian_corcos about my #work 😉 (#2018)
    .
    Un extrait d'un entretien avec mon ami @florian_corcos sur mon travail 😉 (2018)
    .
    #BBoucau #Painting #Love #Workshop #Paris #ArtWork #ArtCollector #ArtGallery #AllAboutLove #ArtFromMyHeart (à Porte de Saint-Ouen)
    https://www.instagram.com/p/CHOaw9ZAHyk/?igshid=1auh77j3n6hss

    View Full
  • Charles Leclerc addresses a press conference ahead of the 2018 Italian Formula One Grand Prix

    (Photo by ANDREJ ISAKOVIC via Getty Images)

    View Full