#roman history Tumblr posts

  • image

    đź—“ACCADDE OGGIđź—“


    Il 19 febbraio del 197 d.C. Settimio Severo sconfiggeva il rivale Clodio Albino nella battaglia di Lugdunum, odierna Lione.

    Stando ai resoconti degli storici antichi, ed in particolare di Cassio Dione, le due armate che si scontrarono erano composte da 150.000 soldati complessivi, con Clodio Albino che poteva disporre di circa 60.000 legionari e Settimio Severo che contava quindi su circa 90.000 uomini, in massima parte provenienti dal limes renano e danubiano.

    “Da entrambe le parti c'erano centocinquantamila soldati ed erano presenti allo scontro ambedue i comandanti. Albino era superiore per nobiltà e per la formazione ricevuta, mentre il suo rivale prevaleva nella scienza militare e nell'arte di condurre un esercito” (Cassio Dione, Storia Romana, LXXVI, 6).


    La battaglia ebbe inizio con una mossa a sorpresa di Severo che avanzò con l'ala destra per poi ripiegare, inseguito dalla cavalleria sarmata di Albino, attirandola in un'imboscata e distruggendola completamente. Dopo questo primo successo il sovrano guidò l'avanzata dell'ala sinistra, ma l'attacco non ebbe esito positivo.


    Dopo due giorni di combattimenti incerti Giulio Leto, il comandante della cavalleria severiana, attaccò i fianchi delle legioni avversarie, sfondandone le linee. Sentendosi perduto, Clodio Albino preferì correre al proprio accampamento, per poi suicidarsi.

    “Durante un combattimento in cui molti soldati di Clodio erano caduti, molti si erano dati alla fuga ed altri arresi, egli fuggì e poi, secondo alcuni, cercò di uccidersi con le proprie mani o, secondo altri, si fece trafiggere da un servo” (Historia Augusta, Vita di Clodio Albino, IX).


    (Nell'immagine: rappresentazione contemporanea di Settimio Severo durante la battaglia di Lugdunum, tratta da Ancient Warfare Magazine)


    (Il passo di Cassio Dione è tratto da: Cassio Dione, Storia Romana volume IX, (a cura di Alessandro Galimberti), BUR, Milano 2018.

    Il passo dell'Historia Augusta è tratto da: Scrittori dell'Historia Augusta, (a cura di Leopoldo Agnes), UTET, Torino 1960).

    View Full
  • image

    For @bibliophilicwitch’s Tomes and Tea

    I have a couple sections to read from The Twelve Ceasers and Annals for class tomorrow. No tea today, just water!

    View Full
  • no one:

    a small village in central italy: k im gonna conquer the world

    #rome#roman history#idkkkkkk #i get so emo about rome sometimes #we feel its influence every day when we speak in so many languages #in so many countries we see its mark #latin is really not dead and roman history feels hauntingly familiar
    View Full
  • BLUE MENTIONED JUSTINIAN AND THEODORA!!! :)

    Noone knows how accurate the goose story is but they are definitely a prime example of communication and its benefits.

    Overall, the segment on Justinian and Theodora was a pretty good explanation of their lives in my opinion.

    View Full
  • image

    đź“śVOCI DI ROMAđź“ś

    LA ROMA AUGUSTEA

    “Realizzò numerosi monumenti pubblici. Tra questi ecco i principali: un foro con un tempio di Marte Vendicatore, un tempio di Apollo sul Palatino, un altro di Giove Tonante sul Campidoglio. Costruì un Foro perchè, data l'affluenza della folla e il numero dei processi, i due esistenti non erano più sufficienti e sembra ci fosse bisogno di un terzo; per questo ci si affrettò ad inaugurarlo, senza che fosse terminato il tempio di Marte e si stabilì che in esso fossero tenuti specialmente i processi pubblici e si facesse l'estrazione a sorte dei giudici.

    Quanto al tempio di Marte aveva fatto voto di innalzarlo quando, con la battaglia di Filippi, si era vendicato dell'uccisione di Cesare; così stabilì che il Senato deliberasse in questo tempio tutto quanto si riferiva alle guerre e ai trionfi, che di qui partissero tutti coloro che si recevano nelle province con incarichi di comando e che quanti tornavano vincitori qui portassero le insegne dei loro trionfi.

    Fece erigere il tempio di Apollo in quella parte della sua casa sul Palatino che, colpita dal fulmine, il dio aveva preteso per sè a mezzo degli aruspici; vi aggiunse un porticato con una biblioteca latina e greca, e qui, già vecchio ormai, riunì spesso il Senato e passò in rivista le decurie dei giudici”.


    ✍️Svetonio, Vite dei Cesari, Vita di Augusto, 29 (a cura di S. Lanciotti), Rizzoli, Milano 1982.

    (Nell'immagine: ricostruzione grafica del Foro di Augusto)

    View Full
  • Lupercalia was once a Roman custom from February 13-15 to promote fertility. Animal sacrifices were made and women would place their names in an urn while men would draw a name and pair off with their match. The tradition soon became out of practice once Christianity grew stronger in Rome.

    View Full
  • #Battle of Cannae      Hanibal #Roman History
    View Full
  • Crimson blood dripping on marble stones, the man has twenty and more stab wounds on the back of his cracked masquerade; betrayed and defied, the king has no idea where his crown fell, if in between his son or one of his friends. scarlet trail stains the spotless floor, the king has died, the whole world will mourn.

    — julius caesar, ( shewasholy ).

    View Full
  • it’s a lovely night on the capitoline hill in 386 bc and you are a horrible goose.

    image
    View Full
  • image

    đź—“ACCADDE OGGIđź—“


    Il 12 febbraio del 41 d.C. nasceva a Roma Tiberio Claudio Cesare Germanico, meglio noto con il nome di Britannico, secondo figlio che l'imperatore Claudio ebbe dalla terza moglie Messalina.

    Risulta molto difficile ricostruire la biografia di Britannico, a causa della carenza documentaria. La sua nascita è ricordata brevemente da Svetonio:

    Ebbe dei figli tre delle sue mogli: da Urgulanilla, Druso e Claudia; da Petina Antonia; da Messalina Ottavia e un figlio al quale diede dapprima il nome di Germanico e poi quello di Britannico" (Svetonio, Vite dei Cesari, Claudio, 27).

    Il bambino prese questo appellativo poichè due anni dopo la sua nascita, nel 43 d.C. fu conquistata la Britannia e il Senato offrì a Claudio il titolo onorifico “Britannico”; l'imperatore rifiutò di adottarlo ma lo concesse al figlio.

    Il sovrano fu molto legato al nuovo figlio, come testimonia lo stesso Svetonio: “In quanto a Britannio, che era nato nel ventesimo giorno del suo principato, durante il suo secondo consolato, lo raccomandò sempre, fin da bambino, ai soldati, presentandolo a loro, riuniti a parlamento, tenuto nel cavo delle mani. E lo raccomandava anche al popolo, mettendoselo sulle ginocchia, o seduto davanti a lui durante gli spettacoli; e faceva continuamente i più fervidi voti per quel bambino, tra le acclamazioni della folla” (Svetonio, Ivi).


    (Nell'immagine: stutua di Britannico da bambino, conservata nel Museo del Louvre a Parigi)


    (I passi di Svetonio sono tratti da: Gaio Svetonio Tranquillo, I dodici Cesari, (A cura di Felice Dessì), BUR, Milano 1968).

    View Full
  • Be Rome

    Invent shit

    Have sex

    Realize you can include women in sex

    Oh shit is that a German

    View Full
  • So I really enjoy Roman history and let me tell you some great stuff in the simplest, most to the point summary of the Gauls, the Huns, and Rome.

    First the Romans were at war with the Gauls, but then they started to decline after a while - their armies weren’t as full so what do they do? Outsource - the freakin’ Gauls.

    So the Gauls are like “fuck the Romans,” but there’s the Huns coming from the other side so they say screw it, join the Roman armies then sack their cities and raise a middle finger to the Huns like “fuck you we have walls now”

    #brenslow.txt #roman history#gauls#the huns#tldr history #i wish it really was that simple
    View Full
  • *angry mob laughing in the distance

    (Morstein-Marx, Robert. Mass oratory and political power in the late Roman Republic. Cambridge University Press, 2004.)

    View Full
  • Based on a conference I saw few months ago

    View Full
  • my roman history professor talking about the pyrrhic war: “you see, at first Romans got scared by the elephants, but then they got used to it, they’re animals after all, if they take an arrow to the eye they’re not that happy, you know”

    #taganemnon #it's funnier in italian tho #roman history #imagine it being said with a strong roman accent lmao
    View Full
  • Roman Scholar Describes Ancient China // 1st century AD // Pliny the Elder on the “Seres”

    View Full
  • Today, January 24, is the dies natalis (anniversary) of the birth of the deified emperor Hadrian at Italica, Hispania Baetica in the year DCCCXXIX ab urbe condita (829 years from the founding of Rome/ 76 CE).

    Image: Cropped from the “Roman generals and emperors” closeup in the frieze of the Great Hall of the National Galleries Scotland by William Brassey Hole, 1897. Source: Wikimedia Commons (X). Image License: Public Domain (author’s lifeplus 70 years).

    View Full