#storia Tumblr posts

  • blackmonn99
    18.04.2021 - 36 minutes ago

    Una volta, tanto, tanto tempo fa, Tempo si innamorò di Fato.

    Questa situazione, come immaginerai, si dimostrò problematica. La loro storia interrompeva il flusso del tempo. Aggrovigliava in nodi i fili della fortuna.

    Le stelle li osservavano con ansia dai cieli, preoccupate per ciò che sarebbe potuto accadere. Che cosa potrebbe succedere ai giorni e alle notti se Tempo dovesse soffrire per una pena d'amore? A quali catastrofi si potrebbe arrivare, se il medesimo fato attendesse Fato in persona?

    Le stelle cospirarono per separare i due. Per un po', nei cieli respirarono più facilmente. Tempo continuava a scorrere come aveva sempre fatto o, forse, impercettibilmente più lento. Fato intrecciò i percorsi che erano destinati a incrociarsi, sebbene forse, qua e là, un filo fosse andato perso.

    Ma, alla fine, Fato e Tempo si trovarono. Le stelle sospirarono, luccicanti e tremolanti. Chiesero alla luna consiglio. La luna, a sua volta, convocò il parlamento dei gufi per decidere come fosse meglio procedere. Il parlamento affrontò l'argomento, notte dopo notte discussero e dibatterono mentre il mondo intorno dormiva e continuava a girare, ignaro che argomenti così importanti venissero trattati.

    Il parlamento dei gufi arrivò alla logica conclusione che, se il problema fosse stato nell'accoppiamento, uno dei due elementi doveva essere eliminato. Decisero di tenere quello che reputavano più importante. Il parlamente dei gufi comunicò alle stelle la propria decisione e le stelle furono d'accordo. La luna invece no, ma quella sera era oscura e non potè offrire la sua oponione.

    Così fu deciso e Fato venne fatto a pezzi. Squarciato da becchi e artigli. Le sue urla risuonarono fin negli angoli più profondi e nei cieli più alti, ma nessuno osò intervenire, tranne un piccolo topo coraggioso che si intrufolò nella mischia, sgattaiolando inosservato fra sangue, ossa e piume, prese il Cuore di Fato e lo tenne al sicuro.

    Quando il rumore si spense, di Fato non era rimasto nient'altro. Il gufo che ci cibò degli occhi di Fato acquisì una vista ecceziobale, più di qualsiasi vista fosse mai stata concessa ad una creatura mortale. Il parlamento lo incoronò Re Gufo. Nei cieli le stelle brillarono di sollievo, ma la luna fu colma di tristezza. E così Tempo continua a scorrere come dovrebbe e gli eventi che, una volta, erano destinati ad accadere vengono invece lasciati al caso e Caso non si innamora mai a lungo di nessuno.

    Ma il mondo è strano e le conclusioni non sono mai delle vere conclusioni, non importa quanto le stelle possano desiderarle tali. Di tanto in tanto Fato riesce a ricomporsi. E Tempo è sempre lì ad aspettarlo.

    - Il mare senza stelle - Erin Morgenstern

    View Full
  • personal-reporter
    18.04.2021 - 6 hours ago

    Il maso, nel cuore dell’Alto Adige

    Il maso, nel cuore dell’Alto Adige

    Tra le incantevoli valle trentine ci sono i masi, le tipiche costruzioni rurali di cui sono disseminate, con un nome che deriva dal latino mansio, cioè dimora, che indica a un insieme di edifici e terreni, appartenenti anticamente a una famiglia di signori che la davano in affitto a contadini e successivamente ai contadini stessi che conducevano l’azienda. Per tradizione il maso è lasciato a un…

    View On WordPress

    View Full
  • personal-reporter
    18.04.2021 - 8 hours ago

    Come si eleggeva il Doge a Venezia

    Come si eleggeva il Doge a Venezia

    La lunga storia della Repubblica di Venezia è legata da sempre alla figura del Doge, che riuniva le varie qualità, politiche e non, della città lagunare. Molti dogi si limitarono a servire rigorosamente e fedelmente la Repubblica, ma altri tentarono di sovvertirla, altri la resero sempre più grande. (more…)

    View On WordPress

    View Full
  • hope-now-and-live
    18.04.2021 - 9 hours ago

    Quando mi dispero, ricordo che nel corso di tutta la storia la via dell’amore e della verità ha sempre trionfato. Ci sono stati tiranni e assassini, che per un po’ possono essere sembrati invincibili, ma la conclusione è che cadono sempre.

    Mahatma Gandhi

    View Full
  • chi-va-piano-arriva-dopo
    18.04.2021 - 9 hours ago

    “Forse lo spettro dell’amore è più vasto di quanto crediamo, ed è effettivamente possibile innamorarsi di una storia, di una canzone, di un film o di un quadro cosi come ci si innamora di una persona.”

    — Alex Landragin, “Storia di due anime”.

    View Full
  • antiquitatesromanae
    18.04.2021 - 10 hours ago

    📜 VOCI DI ROMA

    CATONE E IL VINO DI MIRTO

    "Così si fa il vino di mirto. Secca all'ombra le bacche di mirto nero. Dove siano già appassite, conservale per il tempo della vendemmia. Allora pesta mezzo moggio di queste bacche, mettile in un'urna di mosto e chiudila. Quando poi il mosto avrà finito di bollire, leverai via le bacche.

    Questo vino giova a chi soffra di dolore alle costole, coliche ed indigestione".

    ✍️ Catone, Liber de agri cultura, 125 (a cura di Francesco Ventura), Ventura Editore, Reggio Calabria 2012.

    View Full
  • raucci
    18.04.2021 - 12 hours ago

    Un'iniziativa speciale per ricordare Massimo Bordin a due anni dalla morte.

    View Full
  • hope-now-and-live
    17.04.2021 - 1 day ago

    La storia è testimone dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra di vita, annunciatrice dell’antichità.

    Marco Tullio Cicerone

    View Full
  • grayhistory
    16.04.2021 - 1 day ago

    Tutti,

    almeno una volta,

    siamo stati i cattivi nella storia di qualcun altro.

    View Full
  • parlodite-pensandotinudo
    16.04.2021 - 2 days ago
    Corro, e mentre le gambe avanzano sulle strade della città, mentre affrontano il buio notturno, attraversano strade e angoli in cerca di te, e il pensiero di vederti finalmente davanti ai miei occhi, in carne e ossa, mi fa sentire leggera come una farfalla.
    Avanzo verso di te, ma ho paura.
    Corro ma vorrei fermarmi e pensare meglio.
    Respiro.
    E mentre avanzo penso a cosa penserai di me,
    se ti piacerò.
    Chissà.
    E poi, finalmente ti vedo.
    E non penso più.
    I miei occhi si posano su di te con curiosità ed eccitazione.
    Occhi.
    Che si guardano e già si desiderano.
    Lontani per un po' ci osserviamo.
    Dura un secondo ma è un tempo capace di racchiudere tutte le parole che ci siamo detti fino a quel momento.
    E poi ti avvicini, sento la tua energia mischiarsi alla mia, ad ogni passo aumenta, si dilata, come una gomma.
    Ed è subito mani che si toccano e che si stringono.
    Mi tiri a te e mi sussurri all'orecchio: "Togliti le mutandine"
    E io,
    incantata,
    eccitata,
    sorpresa,
    infilo le mani sotto la gonna e sfilò le mutandine mentre sono ancora racchiusa nel tuo abbraccio. I tuoi occhi non smettono di cercare i miei, non badi nemmeno alle mie azioni, sei attento alle mie sfumature di verde. Infilo le mutandine nella tua tasca mentre cerco le tue labbra, non è difficile trovarle, sono lì che aspettano.
    E allora,
    prendo
    tra le mani
    il volto
    e
    ti bacio.
    Sanno di nuvole ed energia,
    di tranquillità e tempeste,
    e scivolano sulle mie come se si conoscessero da tutta una vita.
    Dura 7 minuti,
    Sette minuti in cui il mondo percepisce la nostra energia,
    un'energia che deriva da due anime che costruiscono mondi baciandosi.
    E poi,
    Poi mi porti in un mondo nostro, che non esiste, ma che forse è già esistito. Dove il tempo non è importante.
    Un mondo senza spazio.
    Infinito.
    Come noi.
    E in continua evoluzione.
    Come noi.
    Non si può contare un tempo così.
    E nemmeno conoscerlo.
    Ma esiste, perché esistiamo noi.
    Ormai sul letto,
    siamo un'unica cosa.
    Il mio respiro ha la consistenza del tuo.
    E le tue mani, delicate, sicure, mi accarezzano il corpo. La tua bocca raggiunge il mio seno, già gonfio.
    Sento tutte le vibrazioni che percorrono il mio corpo come fulmini.
    E poi le tue labbra, la tua lingua, sul mio capezzolo.
    Le tue dita mi spostano le mutandine, e cercano la mia vagina.
    Bagnata.
    Le sento dentro.
    Il corpo vibra sotto le tue labbra.
    E la tua energia mi attraversa l'anima, mi penetra, mi fa godere, e ansimare, e il mondo non esiste più.
    Esistiamo solo noi.
    E questo piacere che ci porta a divorarci.
    Ti stacchi per un attimo e tiri fuori una canna. L'accendi e fai un tiro, aspiri e mi baci, e il fumo è nostro.
    Fai un altro tiro e mi baci il collo.
    E poi un'altro ancora mentre mi baci la pancia.
    E poi il monte di venere.
    Sussulto.
    Ma tu non mi dai il tempo e già sei sul mio clitoride a fare conoscenza.
    Poi me la passi.
    E io me la tengo tra le dite immobile, ansimante.
    Faccio un tiro che in realtà è un gemito.
    Mentre ormai tu, sicuro, sai quali tasti premere per assaggiarmi meglio.
    E poi,
    ti assaggio io.
    E dopo, quando ormai i tuoi gemiti si mischiano ai miei,
    Ci uniamo.
    E io non so più chi sono.
    Nelle tue mani, sono solo respiro e gemito.
    La mia sostanza è energia.
    E ti sento dentro.
    E ad ogni colpo un brivido.
    Ad ogni colpo un gemito.
    E ti chiamo, "K." sussurro, e per un attimo sento il mondo fermarsi. Tu ti sei fermato. E mi guardi. E mi dici che in questo tempo e questo spazio, sei mio.
    Sei mio.
    In quel attimo che può durare per sempre.
    E ti sento sempre più dentro l'anima.
    Poi, succede.
    Succede che l'energia esplode in un orgasmo cosmico.
    E ci fa tremare entrambi.
    Non ci stacchiamo.
    Tu sei ancora dentro di me che mi abbracci.
    Il tuo corpo pesante ancora trema sopra di me.
    Sento il respiro che torna regolare.
    E tu che mi guardi un attimo prima che perda le conoscenze nel mondo dei sogni.
    E restiamo così.
    Abbracciati.

    — A.

    View Full
  • ancoraunabbraccio
    16.04.2021 - 2 days ago

    Eravamo pelle contro pelle, il tuo calore si confondeva con il mio, non esisteva nient'altro, nessun altro. Toccarti, accarezzarti i capelli e contare i tuoi nei non era più ostacolato da terzi. Avevamo il mondo tra le mani e andava bene così. Avrei, però, voluto tenerti stretto a me ancora un po' prima di svegliarmi. Restare tra le tue braccia, affondare nei tuoi abbracci e baciarti lentamente. Questa non è la realtà. Siamo qui, divisi da un confine regionale. Potremmo vederci, abbattere quel muro immaginario, infrangere le regole, ma non siamo fatti così. Ci aspettiamo, ci rispettiamo. D'altronde penso che questa lunga attesa ci renderà forti per attese future. Adesso vorrei solo tenerti al mio fianco, poggiare la mia testa nello spazio tra il tuo collo e la tua spalla, che sembra creato apposta per la mia testa. Sognarti non mi basta più.

    View Full
  • ilfalcoperegrinus
    16.04.2021 - 2 days ago

    LE PIAGHE "SPIEGATE" NELLE PIEGHE DELLA VITA

    LE PIAGHE "SPIEGATE" NELLE PIEGHE DELLA VITA, un commento (anche in formato audio) al vangelo della 3a domenica di Pasqua, disponibile anche in testo spagnolo entrando nella sezione "Commenti al vangelo" del menu principale

    III DOMENICA DI PASQUA anno B (2021) At 3,13-15.17-19; 1Gv 2,1-5; Lc 24,35-48 https://predicatelosuitetti.files.wordpress.com/2021/04/iii-domenica-di-pasqua-anno-b-2021.mp3 I due discepoli narravano agli Undici e a quelli che erano con loro ciò che era accaduto lungo la via e come avevano riconosciuto Gesù nello spezzare il pane. Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in…

    View On WordPress

    View Full
  • emozioni-imperfette
    15.04.2021 - 2 days ago
    View Full
  • View Full
  • wearestardust
    14.04.2021 - 3 days ago

    Studiando la Rivoluzione francese con un ragazzino di 12 anni.

    S: *legge da una fotocopia* L'Assemblea costituì la Guardia Nazionale: una milizia popolare guidata da La Fayette.

    Io: Cos'è una milizia?

    S: Mmh... Aaaah lo so: un piatto buono! Mio nonno lo dice sempre quando mangia qualcosa che gli piace.

    #aiuto#delizia#milizia #l'italiano questo sconosciuto #ripetizioni#aiuto compiti #insegnare è sempre un'esperienza meravigliosa #meno male che ci sono loro #insegnante#adolescente#storia#rivoluzione francese
    View Full